Youtube fissa i paletti: pagamento delle pubblicità solo dopo 10.000 views

Youtube fissa i paletti: pagamento delle pubblicità solo dopo 10.000 clic

Youtube dichiara guerra ai furbetti ed ai creatori “fake” di video. Se prima il social network era una sorta di terra dell’oro dove arricchirsi era facile, adesso fare soldi è diventato molto più complicato. Ogni video prima di poter monetizzare dovrà infatti raggiungere le 10.000 visualizzazioni, dopodiché la pagina verrà analizzata, controllata e verificata per mettere i bastoni tra le ruote ai “furbetti” del canale social.

Tempi duri per i “ladri” di video

Il programma YPP, cioè YouTube Partner Program, permette a tutti gli youtubers di aprirsi un loro canale, pubblicare i loro video e monetizzare con i soldi delle pubblicità. Fin qui tutto bene, il problema è che c’è sempre chi pensa di essere più furbo degli altri.

Alcuni youtubers hanno quindi iniziato a rubare i video di altri colleghi, riproponendoli sulla loro pagina senza alcuno sforzo creativo. Altri addirittura guadagnavano riproponendo semplicemente film, serie tv o video di canzoni già esistenti. Una situazione che stava sfuggendo di mano a Youtube, che ha deciso quindi di adottare una politica più restrittiva per tutelare i propri interessi ma anche quelli degli youtubers onesti, che venivano indubbiamente penalizzati e vedevano il loro lavoro cannibalizzato da colleghi poco corretti.

Proprio per questo motivo al raggiungimento dei 10.000 clic la pagina verrà sottoposta ad un controllo ferreo, per verificare che i video non siano stati copiati o che non ripropongano contenuti già esistenti.

Youtube al servizio degli youtubers

Questa direttiva sferra un colpo letale ai furbetti, ma inevitabilmente spiazza anche i nuovi youtubers che si stanno affacciando da poco a questo mondo, e che non hanno ancora grande dimestichezza con il social dedicato ai video.

Per questo motivo Youtube ha creato la Youtube Creator Academy, un programma messo a disposizione degli youtubers neofiti con delle lezioni dove imparare ad ampliare il proprio pubblico, ottimizzare il canale, aumentare il tempo di visualizzazione, e molto altro.

Lascia un commento

*