Windows 10 al servizio del Ministero della Difesa

ministero-difesa-italia-window-10

Il Ministero della Difesa ha deciso di rinnovarsi dotando tutti i computer dell’amministrazione civile e militare del sistema operativo Windows 10 di Microsoft. Alla luce della spending review annunciata, quest’iniziativa è stata presa per recuperare efficienza ma soprattutto per garantire un maggior livello di cybersicurezza, alla luce degli attacchi di hacker e di minacce informatiche sempre più crescenti.

Il Ministero della Difesa ha seguito le orme del Dipartimento della Difesa Americano, che ha deciso di avviare un progetto di migrazione di 4 milioni di postazioni su Windows 10 per rendere ancora più efficienti tutti i sistemi e potenziare la sicurezza informatica.

Come proteggere l’identità digitale degli utenti

Windows 10 fornisce strumenti innovativi e tecnologici per rafforzare notevolmente la cybersecurity, volta a combattere i crimini informatici sempre più crescenti nel nostro paese.

Uno di questi strumenti è Windows Passport for Business, in grado di autenticare in modo sicuro gli utenti senza necessità di inserire la password. Molto utile anche Credential Guard, capace di proteggere le credenziali degli utenti e di conservarle all’interno di processori fisici dei dispositivi.

Altro strumento molto valido per difendere l’identità digitale degli utenti è Device Guard, che preserva o blocca tutti quei programmi che sono ritenuti pericolosi o dannosi per il sistema.

Difendere le informazioni gestite dalle strutture con programma di criptazione

Windows 10 permetterà di difendere le informazioni gestite dalle strutture grazie a Bitlocker, una funzionalità di protezione dei dati, in grado di crittografare l’intera partizione del sistema operativo.

Al suo fianco ci sarà Right Management Service, che aumenterà il livello di sicurezza impedendo che dati sensibili ed informazioni riservate come rendiconti finanziari, dati dei clienti e messaggi di posta elettronica riservati possano finire accidentalmente o intenzionalmente nelle mani di persone non autorizzate.

Il Ministero della Difesa ha imboccato la strada dell’innovazione tecnologica per garantire una maggiore protezione e sicurezza dei propri dati con gli strumenti forniti da Windows 10, un sistema operativo che al suo debutto ha fatto registrare un’attivazione su ben 400 milioni di device.

Lascia un commento

*