Whatsapp, novità in arrivo: condivisione della posizione e chiamate di gruppo

Whatsapp, novità in arrivo: condivisione della posizione e chiamate di gruppo

In un recente post Whatsapp ha annunciato la possibilità di condividere in tempo reale la posizione con i propri contatti, in modo da poter fornire utili indicazioni durante un viaggio. Le novità però non finiscono qui, poiché l’app di messaggistica istantanea più famosa al mondo starebbe progettando una nuova funzionalità di chiamate di gruppo, che farebbero la felicità di molti utenti.

Live Location: condividere in tempo reale la propria posizione

Ogni utente potrà condividere la propria posizione con un singolo contatto, oppure in una chat di gruppo. Questa funzionalità è molto importante per comunicare ai propri amici la posizione, o per indicare ai propri familiari come procede un lungo viaggio.

Questa funzione, chiamata Live Location (“posizione attuale”), è disponibile sia per iPhone che per i dispositivi Android. La condivisione della propria posizione però non sarà continuativa, in quanto l’utente può scegliere da un minimo di 15 minuti fino ad un massimo di 8 ore. Ovviamente si potrà sospendere la geolocalizzazione in qualsiasi momento, per tutelare la propria privacy.

A proposito di privacy, l’applicazione utilizzerà una crittografia end-to-end e sarà possibile visualizzare con chi viene condivisa la posizione. Se in una chat di gruppo più persone condividono le loro posizioni, allora saranno tutte visibili sulla stessa mappa.

Con l’introduzione di questa funzione Whatsapp si mette alla pari di altri competitor come Telegram, iMessage o Messenger, che assicurano un servizio simile.

Chiamate di gruppo in arrivo nel 2018?

Altra interessante indiscrezione viene data da WABetaInfo, secondo cui Whatsapp starebbe lavorando alle chiamate di gruppo. Questa funzionalità richiede però uno studio molto approfondito, anche perché gli sviluppatori di Whatsapp al momento sono impegnati a perfezionare la funzione “Recall”, che permette di cancellare i messaggi inviati per sbaglio ad un altro destinatario. Si vocifera comunque che le chiamate di gruppo potrebbero essere rilasciate agli utenti a partire dal 2018.

Lascia un commento

*