Whatsapp, i messaggi inoltrati saranno etichettati

Whatsapp, i messaggi inoltrati saranno etichettati

Una novità molto importante sta per approdare nel mondo di Whatsapp: i messaggi inoltrati saranno “etichettati”, così il ricevente capirà che non si tratta di contenuti creati dal mittente, quanto piuttosto contenuti che stanno circolando sull’app. Whatsapp è uno dei principali servizi di messaggistica istantanea al mondo, proprio per questo motivo è spesso utilizzato per far circolare catene di Sant’Antonio promozionali, spam o fake news. La funzione che consente di inviare messaggi ad altri gruppi e contatti è disponibile da molto tempo. Non era però disponibile una grafica precisa che distinguesse i messaggi inoltrati da quelli inviati personalmente.

Quando sarà disponibile la novità?

La novità è stata scoperta su una beta di Whatsapp per Android (versione 2.18.179), e dovrebbe essere rilasciata anche in versione iOS al pubblico. Entro poco tempo, forse tra qualche settimana, questa nuova funzionalità molto utile dovrebbe quindi essere disponibile per tutti gli utenti. Nel frattempo, in attesa del rilascio definitivo di questa funzionalità, l’unico modo per contrastare lo spam è eliminare i messaggi ed al massimo bloccare il contatto molesto.

Il funzionamento è molto semplice: ogni video, messaggio, foto o contenuto inoltrato saranno etichettati da una freccia verso destra che ne indica l’inoltro. L’etichetta comparirà proprio sotto il messaggio, così sarà possibile capire che non è stato scritto direttamente dal mittente.

Un altro mattone per costruire il muro contro le fake news

Prosegue la lotta dei principali social network ed app alle fake news ed allo spam, problematiche che rendono poco fruibile un servizio. Molte aziende, nonostante l’aggiornamento alla normativa GDPR, ancora oggi inviano catene di Sant’Antonio e messaggi pubblicitari senza il consenso da parte dei destinatari. Questo giochetto sembra destinato a concludersi definitivamente.

Gli utenti infatti non potranno disattivare né eliminare l’etichetta, ma potranno solo copiare ed incollare il contenuto da una chat all’altra. Si tratta però di un’operazione molto lunga e noiosa, che probabilmente scoraggerà i creatori di fake news e di catene di Sant’Antonio.

Lascia un commento

*