Twitter, nuovo giro di vite sullo spam e sui profili falsi

Twitter, nuovo giro di vite sullo spam e sui profili falsi

Troll, hater, fake news, spam: queste ed altre problematiche sono finite nel centro del mirino di Twitter, che ha stretto ulteriormente la morsa contro i falsi profili. Una mossa necessaria dopo il “Russiagate” che ha coinvolto le elezioni statunitensi, scoppiato non solo su Twitter ma anche su Facebook, Google e tutto il web in generale. Una ricerca dell’Università dell’Indiana ha rivelato addirittura che su Twitter ci sono 48 milioni di bot, cioè programmi che generano contenuti in automatico fingendosi persone in carne ed ossa.

Nuove linee guida su Twitter per combattere lo spam

La piattaforma di Jack Dorsey ha annunciato l’inasprimento delle misure per debellare definitivamente lo spam dal social network. Secondo quanto riportato da Yoel Roth di Twitter, verranno introdotte modifiche relative agli account. Sarà limitato su Twitter e su TweetDeck l’invio contemporaneo di più messaggi dallo stesso account.

TweetDeck è la dashboard app di Twitter che consente di programmare i tweet e di gestire più account simultaneamente. Per chi diffonde notizie false è evidentemente uno strumento molto valido. Precisamente gli utenti non potranno pubblicare gli stessi contenuti, o comunque molto simili, su più account contemporaneamente.

Inoltre non sarà possibile “re-twittare”, attribuire “mi piace” o seguire altri utenti da più account. L’obiettivo ovviamente è bloccare il diffondersi di potenziali “fake news”, che non potranno essere pubblicate da chi gestisce più di un account. Non a caso dopo la notizia del giro di vite di Twitter sono scomparsi diversi falsi follower dalla piattaforma.

Al bando le app per pubblicare contenuti identici

Per bloccare i tweet dei falsi account, ed impedire che diventino virali, Twitter ha deciso di mettere al bando quelle app che pubblicano contenuti identici con un hashtag specifico su più account. Sono in corso aggiornamenti anche su TweetDeck, affinché gli utenti si attengano alle nuove disposizioni del social network.

Lascia un commento

*