Samsung Galaxy S9: una fotocamera da favola ed un sensore per impronte digitali

Samsung Galaxy S9: una fotocamera da favola ed un sensore per impronte digitali

Samsung sta lavorando al nuovo Galaxy S9, che dovrebbe debuttare ufficialmente nel 2018. Circolano già numerosi “rumors” ed indiscrezioni sul nuovo gioiello della casa coreana, che riguarda soprattutto il comparto fotografico ed un nuovo brevetto su un ipotetico sensore per le impronte digitali.

La nuova potente fotocamera del Galaxy S9

Il prossimo dispositivo top di gamma di Samsung dovrebbe avere una fotocamera con un obiettivo f/1.5, ed un’apertura variabile per l’obiettivo del sensore dello smartphone. Non è stato però specificato se l’utente avrà la possibilità di gestire l’apertura del diaframma in totale autonomia, o se tale apertura si muoverà automaticamente in base alle condizioni circostanti.

La dual camera posteriore invece dovrebbe essere montata sul Samsung Galaxy S9+, mentre il sensore secondario dovrebbe utilizzare un obiettivo f/2.4, che consentirà di eseguire la modalità ritratto. Attualmente si tratta di indiscrezioni rilasciate da un report realizzato da VTECH, per le conferme bisogna quindi attendere l’uscita dell’ultima creazione della Samsung per poter toccare con mano.

Come funziona la scansione per il riconoscimento delle impronte digitali?

Un’altra interessante novità riguarda il brevetto rilasciato da Samsung su una scansione per il riconoscimento delle impronte digitali. Il sensore dovrebbe essere posizionato in fondo allo schermo, mentre la parte dedicata alla scansione delle impronte dovrebbe essere collocata sopra il sensore del touch screen.

Il sensore però potrebbe avere anche un’altra rivoluzionaria funzione, cioè la scelta della password. Gli utenti infatti non hanno grande fantasia nella scelta delle password, quindi utilizzano codici di accesso facilmente “hackerabili”. Questo speciale sensore aiuta gli utenti a scegliere password “nascoste” nel palmo della mano.

Nel momento in cui l’utente inquadra il palmo della mano con la fotocamera posteriore dello smartphone, il sistema confronta l’immagine con quella precedentemente scattata. Nel caso in cui venga riscontrata una corrispondenza, l’utente avrà la possibilità di visualizzare alcuni caratteri della password tra le linee del palmo della mano. Al momento si tratta solo di un brevetto, quindi non c’è la certezza che sarà presente sul prossimo Galaxy S9.

Lascia un commento

*