Ricaricare lo smartphone una volta a settimana: la nuova sfida della tecnologia

caricatori smartphone

Gli smartphone hanno rappresentato una svolta nella tecnologia del nuovo secolo. Siamo sempre connessi con la possibilità di contattare i nostri amici ed i nostri familiari, oppure di cercare strade e vie tramite navigatori satellitari o di conoscere alberghi, locali e ristoranti in zona. Hanno un solo inconveniente: si scaricano dopo un utilizzo prolungato.

Si può ovviare al problema grazie ai caricatori portatili oppure ai caricatori da auto, ma sarebbe ancora meglio non avere l’incombenza di caricare gli smartphone una o addirittura due volte al giorno. Per questo motivo gli esperti di nanotecnologia dell’Università della Florida Centrale stanno lavorando ad un supercaricatore, che permette di caricare gli smartphone meno di una volta a settimana ed in pochi secondi.

La sfida di Yeonwoong Eric Jung

Yeonwoong Eric Jung con il suo gruppo di esperti ha realizzato dei super condensatori composti da milioni di microscopici fili, rivestiti da materiali bidimensionali. In pratica il trasferimento degli elettroni sarà più facile, e questo procedimento velocizzerà la carica. A sua volta il rivestimento con i nuovi nanomateriali permetterà di avere una maggiore densità di energia e di potenza.

I futuri caricatori quindi potranno immagazzinare molta più energia ed in modo molto più rapido rispetto ai dispositivi tradizionali con batterie a litio, mantenendo una propria stabilità per oltre 30mila cicli di ricarica.

I vantaggi ed i diversi utilizzi dei futuri caricatori

Le tradizionali batterie a litio iniziano a perdere di potenza dopo circa 1.500 cicli di ricarica, mentre i nuovi caricatori sono in grado di mantenere la loro efficienza anche dopo 30mila cicli.

Questi nuovi dispositivi potrebbero fare il loro ingresso in tanti altri settori della tecnologia, come per la ricarica di auto elettriche o di articoli relativi alla cosiddetta “wereable technology”.

Il progetto è ancora in stato embrionale data la sua complessità, ed è presto per parlare di una sua commercializzazione. Presto però sarà brevettato, ed in un futuro non molto lontano sarà forse possibile caricare il proprio smartphone in pochi secondi.

In attesa che la tecnologia faccia i suoi progressi volevamo segnalare lo smartphone LG X Power, rinomato per la sua ricarica veloce e soprattutto per la sua autonomia, di almeno tre giorni con utilizzo normale e di due giorni pieni mettendolo sotto stress: davvero niente male!

Lascia un commento

*