Qualcomm cala tre assi: in arrivo tre nuovi processori di fascia media

qualcomm-snapdragon

Qualcomm ha annunciato il lancio sul mercato di tre nuovi processori mobile di fascia media: Snapdragon 653, Snapdragon 626 e Snapdragon 426. Tutti e tre i modelli traggono spunto dai loro predecessori, rispettivamente Snapdragon 652, Snapdragon 625 e Snapdragon 425 per quanto riguarda il numero di core e la tecnologia produttiva.

Nei nuovi modelli sono state aumentate le frequenze della CPU e del modem. Una delle novità più succose proposte da Qualcomm riguarda infatti proprio la presentazione del primo modem compatibile con la rete 5G, già disponibile in tutto il mondo.

Le caratteristiche tecniche di Snapdragon 653, Snapdragon 626 e Snapdragon 426

Lo Snapdragon 653 integra una CPU con quattro ARM Cortex-A72 e quattro ARM Cortex-A53, affiancati dalla GPU Adreno 510. La novità risiede nella frequenza del Cortex-A72 che è stata aumentata da 1,8 a 1,95 GHz. La RAM passa da 4 a 8 GB, quindi il SoC permetterà di realizzare smartphone di fascia medio-alta con 6 GB di RAM.

Lo Snapdragon 626 presenta una CPU formata da otto core ARM Cortex-A53, con una frequenza aumentata da 2 a 2,2 GHz.

Infine lo Snapdragon 426 presenta otto core ARM Cortex-A53 a 1,4 GHz, e nel SoC è stato integrato il modem X9 LTE. Tutti e tre i processori sono in grado di supportare la tecnologia di ricarica rapida Quick Charge 3.0 e configurazioni dual camera con sensori fino a 24 megapixel.

Il modem X50 compatibile con le reti 5G

La novità più interessante riguarda il modem X50 compatibile con le future reti 5G. Il modem sarà in grado di supportare lo spettro delle onde millimetriche nella banda dei 28 GHz, raggiungendo così la massima velocità pari a 5 Gbps.

Si può inoltre ottenere la doppia connettività abbinando il modem X50 con un chip Snapdragon con modem Gigabit LTE. Gli appassionati però dovranno aspettare ancora un po’, dal momento che i prodotti realizzati con il modem X50  saranno disponibili sul mercato solo a partire dal primo semestre del 2018.

Lascia un commento

*