Pebble chiude i battenti: che ne sarà dei vecchi clienti?

fitbit acquisisce Pebble

É stata annunciata l’acquisizione di Pebble da parte di Fitbit, di conseguenza cessa anche ogni tipo di servizio di garanzia sui prodotti che già sono in commercio. C’è grande sconcerto non solo tra gli appassionati di tecnologia, che si erano affezionati agli articoli griffati Pebble, ma soprattutto tra i vecchi clienti che avevano acquistato gadget della società che non esiste più, e che facevano affidamento sul cloud computing per diverse funzioni.

I servizi di Pebble garantiti per tutto il 2017

Fitbit ha provato a rassicurare i vecchi utenti, dichiarando che rimarranno operativi tutti i dispositivi Pebble almeno per tutto il 2017. Stessa cosa vale per alcune componenti della Pebble, che non risiedono nel cloud e che continueranno a funzionare, ma molte altre funzionalità potrebbero essere perse definitivamente.

Nello specifico il gruppo Fitbit sta valutando come e per quanto tempo potranno continuare ad essere utilizzabili alcune componenti come dettatura, messaggistica, meteo, ecc. Il team di sviluppo sta cercando di elaborare una nuova struttura delle applicazioni, per farle funzionare senza il cloud. Per il 2017 verrà salvato il salvabile, ma per il 2018 la situazione sembra davvero un’incognita.

Per questo motivo è stato chiesto aiuto alla comunità degli sviluppatori, che nel corso degli anni si è fatta sempre più ampia, per provare a risolvere il problema e tenere in vita i componenti Pebble.

Pebble Core e Time 2: gioiellini che non vedranno mai la luce

Pebble Core e Time 2, i due smartwatch ipertecnologici di ultima generazione che avevano solleticato la fantasia di molti utenti, non verranno mai messi in commercio.

Molti utenti avevano già preordinato su Kickstarter i due smartwatch, ma saranno rimborsati nelle prossime 8 settimane poiché i due gioiellini della “wereable technology” in realtà non vedranno mai la luce.

Non resta altro che attendere come agirà Fitbit, che acquisendo la Pebble ha acquisito anche i suoi clienti, i quali chiedono risposte in merito ai dispositivi Pebble che hanno già acquistato.

Lascia un commento

*