Le fake news saranno visibili su Facebook ma non sul Newsfeed

Smartphone con applicazione Facebook tenuto in mano

Facebook aveva annunciato uno stretto giro di vite contro le fake news, considerate una vera piaga del web. Ebbene il social network, pur manifestando la sua ostilità alle notizie false, ha leggermente modificato la sua politica annunciando che non bloccherà le fake news poiché non violano gli standard della comunità della piattaforma. Per farla breve ognuno ha diritto di parola su Facebook, ma questo non significa che le fake news avranno lo stesso spazio delle notizie vere. Saranno infatti rese sempre meno visibili sui newsfeed degli utenti, cosa che rappresenta comunque un danno non da poco per i creatori di queste notizie fasulle.

Lo strano caso di InfoWars

La questione si è aperta durante un dibattito in occasione di una conferenza stampa a New York, in cui il reporter della CNN Oliver Darcy ha chiesto a John Hegeman, capo del news feed di Facebook, qual è la posizione del social nei confronti delle fake news. Hegeman ha risposto che Facebook è nato come luogo dove ogni editore può esprimersi liberamente nel rispetto degli altri, e continuerà ad esserlo. Le fake news, pur essendo poco gradite, non infrangono le regole di condotta di Facebook e quindi continueranno ad esistere, anche se con visibilità minore.

Ne è un esempio lampante InfoWars, la pagina di un noto sito cospirazionista che ad oggi conta ben 900.000 utenti. Nella conferenza è intervenuta anche Sara Su, product specialist di Facebook, secondo la quale pagine come InfoWars possono risultare fastidiose ma non in aperto contrasto con le regole della policy “facebookiana”.

Un danno per gli editori

Gli editori delle fake news comunque non possono sorridere, poiché il depennamento delle notizie dal newsfeed degli utenti rappresenta un danno non indifferente. Tutto ciò si traduce infatti in una perdita dell’80% delle visite (portata organica), una misura che si estende a tutte le pagine ed i domini che solitamente pubblicano fake news.

Lascia un commento

*