I 10 argomenti più discussi su Facebook nel 2016

trend del 2016 sui social network

Il 2016 si è appena concluso, e come di consueto è tempo di fare i bilanci. Che 2016 è stato per il popolo “social” di Facebook? Quali sono stati gli argomenti più dibattuti, che hanno dato vita a lunghi forum virtuali sul social network? Lo scopriamo in questa classifica degli argomenti più discussi su Facebook nel 2016.

Dal decimo al settimo posto: la Brexit, le morti di David Bowie e Bud Spencer e San Valentino

Partendo a ritroso al decimo posto troviamo la Brexit, che ha visto la Gran Bretagna uscire dall’Unione Europea, una possibilità che anche molti italiani hanno preso in considerazione. Al nono ed all’ottavo posto troviamo purtroppo la dipartita di due grandi personaggi del mondo dello spettacolo: Bud Spencer, che ha legato il suo nome ai film western del cinema, e David Bowie, maestro della musica rock. Al settimo posto si piazza San Valentino, la festa degli innamorati caratterizzata da lunghi post sulle idee regalo.

Dal sesto al quarto posto: elezioni e Pokemon Go

Scalando la classifica entra prepotentemente la politica. Al sesto posto troviamo infatti le elezioni amministrative italiane, mentre al quinto posto ci sono le elezioni americane che hanno visto trionfare a sorpresa il discusso Trump sulla superfavorita Clinton.

Al quarto posto, ad un passo dal podio, troviamo i Pokemon Go, l’app che ha fatto ammattire milioni e milioni di persone alla ricerca delle misteriose creature.

Il podio finale: il terremoto del centro Italia, le Olimpiadi e gli Europei

Chiudiamo col podio finale, che vede tristemente al terzo posto il terremoto di fine agosto, che ha distrutto completamente interi paesini e borghi del centro Italia. Al secondo posto si piazzano le Olimpiadi di Rio in Brasile, che hanno tenuto incollati allo schermo milioni di italiani. A conferma dall’animo “calciofilo” del popolo italico, al primo posto si piazzano gli Europei di calcio, che hanno visto come topic trend i rigori tragicomici di Pellè e Zaza.

Lascia un commento

*