Facebook, pubblicati i post privati a causa di un bug

Facebook, pubblicati i post privati a causa di un bug

Tra il 18 ed il 27 maggio su Facebook si è verificato un bug che di fatto ha reso pubblici i post e le foto di circa 14 milioni di utenti. Continua a piovere sul bagnato quindi per la piattaforma di Mark Zuckerberg, che dopo Cambridge Analytica ed i dati di utenti scambiati con aziende partner, ora deve fare i conti con un’altra gatta da pelare.

Il bug che ha reso pubblici i post privati

Gli utenti hanno la possibilità di impostare il livello di privacy dei propri contenuti. Possono ad esempio scegliere di condividere le loro foto ed i loro post solo con una cerchia ristretta di amici e di contatti. Mentre Facebook stava eseguendo dei cambiamenti per creare nuove modalità di condivisione di alcuni elementi dei profili, si è verificato il bug.

Il bug di default ha impostato la privacy dei contenuti da “privato” a “pubblico”. Così foto di bambini, discussioni tra amici e colleghi, o critiche ai propri capi sono state condivise con tutti gli altri utenti del social network.

Erin Egan, chief privacy officer di Facebook, ha comunicato che l’allarme adesso è rientrato. Ha inoltre inviato un messaggio agli utenti chiedendo di verificare se il problema fosse stato risolto, allegando delle doverose scuse per quanto successo.

Un danno d’immagine considerevole per Facebook

Facebook ha provato a limitare i danni, ma la sua credibilità continua a perdere colpi scandalo dopo scandalo. Quest’ennesima tempesta deve inoltre essere considerata anche alla luce della nuova normativa GDPR, che richiede di porre la massima attenzione proprio sulla privacy e sulla tutela dei dati degli utenti.

Apple, nel corso della conferenza degli sviluppatori WWDC 2018 tenutasi a San Josè in California, ha addirittura annunciato che toglierà l’integrazione con Facebook dalla prossima versione del sistema operativo macOS Mojave. La credibilità di Facebook è ormai a pezzi, e Mark Zuckerberg dovrà davvero fare i salti mortali per provare a ricostruirla.

Lascia un commento

*