Facebook Messenger dice sì alla pubblicità

Facebook Messenger dice sì alla pubblicità!

Facebook Messenger dice sì alla pubblicità ed i primi messaggi pubblicitari saranno previsti entro la fine del 2017. La pubblicità su Messenger arriva dopo alcuni test condotti su alcuni utenti in Australia ed in Thailandia.

Comparirà a breve la pubblicità sulla pagina principale di Facebook Messenger per tutti i suoi iscritti. La notizia è stata riportata da VentureBeat che annuncia che la pubblicità sarà per tutti visibile entro la fine del 2017. Anche questi annunci, proprio quelli che compaiono su Instagram e Facebook, saranno specifici e mirati per tutti gli utenti che li visualizzeranno.

Pubblicità su misura per gli utenti anche su Facebook Messenger

Anche le aziende possono già preoccuparsi di inviare i messaggi pubblicitari attraverso Messenger a tutti gli utenti con cui hanno ottenuto un rapporto via chat. Una novità questa che sta già entusiasmando gli animi dei brand che hanno capito di poter includere le loro pubblicità all’interno di un servizio che porterà notevoli benefici e risultati, a partire proprio dalla visibilità, indispensabile sicuramente. Potrebbe essere però parere contrario quello degli utenti, che avranno a che fare con l’home page del servizio continuamente interrotta dalle pubblicità, tenendo presente che proprio Facebook aveva ottimizzato l’interfaccia di Messanger con lo scopo di migliorarne l’usabilità.

Le aziende contano più degli utenti?

Questa è una domanda a cui occorre rispondere con la massima diplomazia proprio per non dover offendere nessuno. E’ un sapere vecchio quanto il mondo che la pubblicità è da sempre considerata fonte primaria di ogni attività e quindi di ogni azienda, ed è fonte primaria di reddito, quindi Facebook non ha fatto altro che adeguarsi. Esiste però un modo per evitare l’invasione pubblicitaria e riguarda gli utenti Android che possono scaricare ed installare Facebook Messenger Lite, immune dalle pubblicità. Mentre per tutti gli altri ci vuole solo un po’ di pazienza e poi sicuramente si prenderà l’abitudine anche a questo, e Facebook certamente lo sa!

Lascia un commento

*