Facebook, l’aggiornamento dello stato sarà vocale?

Facebook, l'aggiornamento dello stato sarà vocale?

Per aggiornare lo stato su Facebook, informando gli amici sul proprio umore o su eventuali novità, è necessario scrivere un breve messaggio. Ben presto però gli utenti potranno rilasciare una clip vocale, aggiornando in maniera molto più rapida il proprio stato. La nuova funzionalità è stata scoperta da un utente indiano, e Facebook ha confermato che in effetti in India sta conducendo dei test per valutare la reazione delle persone.

Come aggiornare lo stato di Facebook con messaggi vocali?

Utilizzare questa funzione è molto facile. Bisogna cliccare su “Aggiungi clip vocale”, per poi rilasciare il messaggio vocale che sarà accompagnato da un’onda durante la registrazione. Questa funzione è già presente in Messenger, dove però il messaggio ha una durata massima di un minuto. Le registrazione su Facebook invece, stando alle indiscrezioni, non avranno nessun limite temporale. Prima di pubblicare, l’utente potrà anche riascoltare il messaggio.

Il messaggio vocale, insieme alle foto, ai post, ai video, ai sondaggi, alle GIF ed agli altri contenuti, rappresenta un nuovo mezzo di comunicazione e di espressione per gli utenti. La nuova opzione è disponibile sulla barra di aggiornamento di stato.

Voice Clip, la nuova funzione testata in India

La funzione attualmente testata in India si chiama Voice Clip. È quindi possibile registrare messaggi vocali anche all’interno di gruppi chiusi o di comunità. La scelta dell’India non è casuale, considerando che nel paese ci sono diverse lingue locali. Quest’opzione può quindi risultare molto utile, condividendo messaggi in una lingua universale che può essere capita da tutti.

Al momento non è stato comunicato se la funzione verrà estesa agli altri paesi, e quindi anche in Italia. Sembra ovvio che, se il test dovesse dare risultati molto interessanti, questa opzione potrebbe essere disponibile per gli utenti di tutto il mondo. Facebook recentemente sta dimostrando un grande interesse per le funzionalità basate sulla voce, che potrebbe riservare altre sorprese in futuro.

Lascia un commento

*