Facebook, i gruppi potrebbero diventare a pagamento per offrire più contenuti di qualità

Smartphone Samsung con app Facebook

Tramite un post sul blog ufficiale Facebook ha comunicato che presto i gruppi potrebbero diventare a pagamento. L’obiettivo è gratificare gli amministratori, per i quali gestire un gruppo è diventato un vero e proprio lavoro per il tempo richiesto e le energie profuse. Saranno gli amministratori a stabilire il prezzo adeguato per sottoscrivere l’abbonamento a determinati gruppi, in base ai contenuti ed alle tematiche proposte.

Come funziona la sottoscrizione all’abbonamento per partecipare ad un Gruppo?

I prezzi previsti per la sottoscrizione all’abbonamento di un gruppo vanno da un minimo di 4,99 dollari ad un massimo di 29,99 dollari mensili. La nuova funzione per il momento è prevista per i gruppi dedicati ai genitori, alla cucina ed alla pulizia della casa, temi molto discussi e dibattuti sul social network. Proprio questi settori faranno da test alla nuova feature che Facebook sta valutando.

I gruppi già esistenti continueranno ad essere gratuiti, ma gli amministratori potranno decidere se abilitare l’opzione del pagamento per accedere ai contenuti di un gruppo. Verranno creati dei sottogruppi “premium” e sarà necessario pagare la cifra prevista per accedere.

Maggiori contenuti di qualità

Spesso gli amministratori impiegano molte forze ed energie per gestire un gruppo, trainati unicamente dalla passione per quello specifico argomento. Se la loro attività verrebbe remunerata però potrebbe avere più tempo a disposizione, offrendo contenuti di maggiore qualità. Avrebbero infatti i mezzi economici per realizzare video, foto e post ancora più approfonditi, con la possibilità di organizzare eventi online ed offline tra i vari partecipanti.

Il gruppo assumerebbe i connotati di una maggiore esclusività, poiché ne resterebbero fuori solo coloro che hanno un interesse effimero per quell’argomento. I gruppi a pagamento al momento sono in fase di test e solo dopo aver analizzato i risultati Facebook deciderà se attivare o meno questa funzione. Facebook potrebbe così attivare un nuovo canale di guadagno oltre alle pubblicità visualizzate dagli utenti sul News Feed.

Lascia un commento

*