Facebook a scuola da Google: sarà possibile cercare le foto sul social network

Facebook si avvale di Lumos

Utilizzando “Google Immagini” gli utenti hanno la possibilità di visionare persone, paesaggi, oggetti e tutto ciò che è disponibile sul web.

L’idea è piaciuta così tanto a Facebook, che il social network ha pensato di implementare sulla propria piattaforma una funzionalità piuttosto simile. E’ in fase di testing un motore di ricerca interna per trovare determinate immagini, sfruttando un’intelligenza artificiale capace di individuare persone, luoghi, oggetti, ecc.

Lumos, il “deus ex machina”

Per attivare questa funzione Mark Zuckerberg e soci si avvarranno di Lumos, una tecnologia già sperimentata ed utilizzata da Facebook per migliorare e facilitare l’accessibilità alla piattaforma del social network per chi ha disabilità visive.

In pratica Lumos, nato come strumento per permettere la navigazione dei non vedenti su Facebook descrivendo il contenuto delle immagini, ora verrà sfruttato per facilitare la ricerca di oggetti e luoghi nelle immagini. Le foto non saranno organizzate solo in base ai tag, alla posizione o alla data, ma anche in base al contenuto.

Per esempio se volete recuperare una foto di qualche anno fa della vostra vacanza a Barcellona, non sarà necessario andare a ritroso nella vostra timeline del social. Sarà sufficiente digitare le parole “vacanza a Barcellona”, ed il sistema in un semplice clic vi riproporrà tutte le vecchie immagini datate senza perdita di tempo.

Le rivelazioni di Facebook

Non si tratta di supposizioni, ma dati confermati e rivelati direttamente da Facebook al sito The Next Web, che ha riportato queste succulente anticipazioni. Al momento però questo nuovo motore di ricerca dovrebbe essere disponibile per gli utenti statunitensi, e solo dopo rilasciato nel resto del mondo.

La fase di testing è in programma solo sulle foto, ma sembra molto probabile che tale funzionalità potrebbe essere estesa anche ai video, in quanto il procedimento è uguale e cambia solo il contenuto.

Lascia un commento

*