ex dipendente svela i retroscena della nascita dell Apple Watch

apple watch

Durante un’intervista rilasciata a Fast Company, un ex dipendente Apple, Bob Messerschmidt, che ha lavorato al progetto, contribuendo allo sviluppo dei sensori per la salute, ha svelato i retroscena che si celano dietro la creazione dell’Apple Watch.

Dopo essere stato assunto in Apple nel 2010 ed assegnato al team di sviluppo dell’Apple Watch, dove il suo compito era quello di sviluppare alcuni dei sensori del dispositivo, Messerschmidt afferma di aver proposto di integrare alcuni sensori per la salute all’interno dei cinturini di Apple Watch, un’idea che fù cestinata dal team di Design Industriale di Apple poiché avrebbe limitato l’intercambiabilità dei cinturini.

Messerschmidt propose quindi di integrare dei sensori sulla parte dell’Apple Watch che entra direttamente a contatto con il polso, ma anche questa idea fu scartata da Apple perché “la gente non indossa così gli orologi“, l’ex dipendente, racconta di come non sia facile lavorare nei team di sviluppo Apple dove molte idee non vengono scelte per il prodotto finale perché si guarda prima all’utente e alla sua esperienza finale.
Messerschmidt ha raccontato di aver appreso questa lezione anche dallo stesso Steve Jobs “l’esperienza utente è tutto per un prodotto consumer, se è abbastanza buona, non è buona a sufficienza”.

Bob Messerschmidt

Dopo tre anni di lavoro in Apple e dopo aver seguito lo sviluppo dei sensori di Apple Watch, Messerschmidt ha lasciato Apple per fondare Cor, una startup che produce dispositivi in grado di prelevare il sangue, analizzarlo ed inviare all’utente delle informazioni quasi istantanee sulla salute.

Fonte: MacRumors

Lascia un commento

*