Amazon, Huawei ed Apple ai primi posti del mercato dei tablet

Amazon, Huawei ed Apple ai primi posti del mercato dei tablet

Il mercato dei tablet continua a vivere una crisi piuttosto latente, come dimostrano gli ultimi dati pubblicati dalla IDC. Una leggera frenata è stata registrata anche nel mercato degli ibridi 2-1, i tablet con tastiera staccabile che sembravano aver avuto inizialmente un buon impatto sul pubblico. Colpa forse della concorrenza dei notebook convertibili con schermo touch, capaci di ruotare fino a 360 gradi. Nonostante tutto Apple, Huawei ed Amazon hanno fatto registrare dei dati positivi rivitalizzando il mercato dei tablet.

L'”exploit” di Huawei ed Amazon

I risultati migliori sono stati di Huawei ed Amazon, che hanno invertito la tendenza dell’andamento del mercato incrementando la vendita di tablet. Huawei ha infatti venduto ben 3 milioni di unità, facendo registrare un aumento del 47,1% rispetto all’anno scorso.

Promosso a pieni voti anche Amazon, capace di distribuire sul mercato 2,4 milioni di Kindle Fire con un aumento del 51,7% rispetto all’anno scorso. Samsung ha venduto 6 milioni di tablet, con un leggero calo dello 0,8% rispetto allo stesso periodo di un anno fa. Maluccio anche Lenovo, che ha fatto registrate un calo di vendite del 14,6% rispetto ad un anno fa.

iPad 2017: la strategia vincente di Apple

Bene il colosso mondiale Apple, che ha venduto 11,4 milioni di iPad, aumentando il market share del 14,7%. Protagonista di questo successo secondo gli esperti del settore è stato l’iPad 2017, che ha incrementato notevolmente le vendite grazie anche al cambiamento di strategia di Apple.

La linea iPad rispetto all’anno scorso ha fatto registrare un incremento pari al 15%, ma con un margine di guadagno del solo 2%. Ciò significa che Apple ha puntato principalmente alla vendita di dispositivi con un prezzo ridotto, proprio per invogliare il pubblico all’acquisto.

L’iPad 2017 sembra essere l’unico dispositivo che corrisponde a questa descrizione, un tablet che offre buone prestazioni ad un prezzo inferiore ai 400 euro. La stessa strategia è stata utilizzata da Apple per quanto riguarda l’iPhone SE, uno smartphone dalle buone prestazioni e dai prezzi accessibili. I prodotti di fascia media potrebbero essere la nuova frontiera della “Mela morsicata”, e forse anche degli altri colossi della tecnologia.

Lascia un commento

*